Eccoci...

La nostra è una storia che parte da lontano, era il 1930, e arriva ad oggi con Erminia, in cucina da oltre 50 anni.

Raffaele, una vita dedicata al suo paese, Sindaco di Furore per ben 40 anni, sempre pronto a narrarvi storie, luoghi, persone...e chi meglio di lui!Domenico, responsabile di sala, affiancato da Imma nella vita e nel lavoro.Una famiglia, una vita, una passione..!Affondiamo le radici della nostra ospitalità nella tradizione e nell’autenticità, VENITECI A TROVARE e troverete un posticino unico, fuori dagli schemi e fuori dal tempo.

1930 / 202090 anni...


Ascolterai il silenzio.Coglierai l'alito dell'universo nella voce lontana del mare.

1930

Fu il nonno Raffaele ad aprire la Trattoria Bacco nel 1930, quando Furore davvero non c'era! Diventò presto un punto di riferimento per buongustai.Nel prestigioso "albo" dei frequentatori dell'epoca, possiamo annoverare illustri personaggi del mondo della cultura, dello spettacolo, della politica.Siamo orgogliosi del nostro passato, nel quale abbiamo ritrovato la dedica ricevuta dal grande Raffaele Viviani, che riportiamo integralmente.

la poesia

Al carissimo Don Raffaele Ferraioli, magnificientissimo e ospitalissimo ristoratore, degno dei fasti di Lucullo, con simpatia,

la poesia

Al carissimo Don Raffaele Ferraioli, magnificientissimo e ospitalissimo ristoratore, degno dei fasti di Lucullo, con simpatia,

P’ Agerola saglienno d’ ‘a Custiera,
‘nfilata ‘int’ ‘a Balilla, dolce Amore,
te porto ‘na dummeneca a Furore.
Paesiello ‘e monte, appiso ‘ncopp’ ‘o mare,
llà ‘nce sta Bacco, ‘nu guappo trattore,
‘na loggia scicca, ch’ è ‘nu belvedere
e ‘o proprietario, n’ommo tutte core.
Affabile, aggarbato e cu’ manere
pronto a te fa’ accoglienza, accussì caro,
bussa cchiù all’amicizia ca a denaro,
ca si ‘o canusce pruove gran piacere!

‘Na tavulata sott’ ‘o pergulato,
‘na cumitiva ‘e curazzone allere,
brinneso alla salute, via ‘e penziere!
Cu’ ‘o vino cchiù preziuso e prelibato,
fritture ‘e pesce frisco, ‘e calamare,
‘nu piatto ‘e vermecielle ca par’ oro,
e pe’ tramente magne e guarde ‘o mare.

Ncopp’ a ‘na fisarmonica sfiatata
‘nu viecchio ancora arzillo e pazziariello
te sona ‘o sole mio, marenariello,
fenesta  vascia e dove sta Zazà.
Po’ sazio e soddisfatto vide a Bacco,
cu’ ‘a cuppulella ‘ncapa e ‘a pippa ‘mmocca,
‘o pullovero, ‘e mmane dint’ ‘a sacca…
Don Rafe’, chistu cunto v’ ‘o pagh’ io,
‘o vvulite sape’: “Site ‘nu Dio!”

Mast’Antonio, suonatore di fisarmonica di cui si parla nella poesia di Viviani“Ncopp’ ‘à ‘na fisarmonica sfiatata”

P' Agerola saglienno d' 'a Custiera,'nfilata 'int' 'a Balilla, dolce Amore,te porto 'na dummeneca a Furore.Paesiello 'e monte, appiso 'ncopp' 'o mare,llà 'nce sta Bacco, 'nu guappo trattore,'na loggia scicca, ch' è 'nu belvederee 'o proprietario, n'ommo tutte core.Affabile, aggarbato e cu' manerepronto a te fa' accoglienza, accussì caro,bussa cchiù all'amicizia ca a denaro,ca si 'o canusce pruove gran piacere!

'Na tavulata sott' 'o pergulato,'na cumitiva 'e curazzone allere,brinneso alla salute, via 'e penziere!Cu' 'o vino cchiù preziuso e prelibato,fritture 'e pesce frisco, 'e calamare,'nu piatto 'e vermecielle ca par' oro,e pe' tramente magne e guarde 'o mare.

Ncopp' a 'na fisarmonica sfiatata'nu viecchio ancora arzillo e pazziariellote sona 'o sole mio, marenariello,fenesta  vascia e dove sta Zazà.Po' sazio e soddisfatto vide a Bacco,cu' 'a cuppulella 'ncapa e 'a pippa 'mmocca,'o pullovero, 'e mmane dint' 'a sacca...Don Rafe', chistu cunto v' 'o pagh' io,'o vvulite sape': "Site 'nu Dio!"

Mast’Antonio, suonatore di fisarmonica di cui si parla nella poesia di Viviani“Ncopp’ ‘à ‘na fisarmonica sfiatata”