DA NOI(di Erri De Luca, con integrazioni di Raffaele Ferraioli)

Da noi l’ultima vocale non si pronuncia, le parole restano sospese.
L’inverno è vierno. Il resto è ‘a stagione.
Prima e dopo sono primma e doppo,
hanno più carne e ossa del presente che è solamente mo’.
L’ammore nuosto èì più tosto di amore.
Più svergognata è ‘a famme della fame.
I soldi sono ‘e sorde, i sordi sono ‘e surde,
il soldato è ‘o surdato, più sordo che assoldato.
Da noi il c’è non c’è, però ‘nce sta’.
Nessuno ha, però ci sta chi tene.
Da noi non piove, chiove. La pioggia non infradicia, ma ‘nfraceta.
Il sangue è ‘o sango.
Se devi andare sei già partito:
te ne sì gghiuto, primma ‘e mò.
Abbiamo il verbo più corto del mondo: i’.
Se te ne devi andare, te ne a i’.
Voi giocate soltanto, nuie jucammo e pazziammo.
A Milano pioviggina, a Napoli schizzenea.
Voi rotolate, noi ruciuliammo.
Non inciampiamo, ndruppecammo,
le olive ‘e scamazzammo e nce facimmo ciuotte ciuotte.
Sciuè sciuè, aummo aummo sono solo nostri.
Palomma non è colomba, ma farfalla.
Facciamo presto è facimmo ampressa
I’ ‘e pressa è andare di fretta,
ma noi iammo cuonce cuonce.